Descrizione

La fibroscopia nasale (chiamata anche rinoscopia o nasofibroscopia) è un'indagine diagnostica di tipo ottico che si utilizza in otorinolaringoiatria per esplorare le cavità nasali al fine di individuare ogni piccola anomalia: deviazione del setto nasale, poliposi, ipertrofie dei turbinati, iperplasie ed altre patologie o caratteristiche anatomiche della zona rinofaringea. Serve inoltre per rendersi conto della funzionalità degli organi in questione, oltre che dello stato di salute delle mucose. La fibroscopia nasale può essere anteriore o posteriore. Nel primo caso si andrà ad ispezionare la parte anteriore delle fosse nasali (quella più in avanti) per diagnosticare eventuali alterazioni morfologiche. Nella fibroscopia nasale posteriore, invece, viene incluso anche il cavo rino-faringeo, e vengono esaminati i turbinati e le coane (le cavità che mettono in comunicazione narice e bocca).
La fibroscopia nasale anteriore viene eseguita in pochi minuti e senza il bisogno di alcuna anestesia. Attraverso l'utilizzo di uno speculum nasale che servirà a divaricare le narici il medico utilizzerà un fascio di luce che andrà ad illuminare le fosse nasali e sarà di ausilio in caso di applicazione di tamponi o rimozione di corpi estranei (soprattutto nei bambini). 

PressoOtorinolaringoiatria

Dott. VINCENZO DE CEGLIEL’otorinolaringoiatria è quella branca della medicina che studia la fisiologia e le patologie diorecchio(ous),naso(rhis), egola(lárynx), ovvero degli ...

approfondisci
Otorinolaringoiatria

HAI BISOGNO DI UNA VISITA?